Challenge 70.3 Rimini

20x30-DAED1118.jpeg

 

Sono le 6.00 AM, finalmente è arrivato il grande giorno, fuori diluvia e fa molto freddo!!

Dopo aver fatto una buona colazione, esco per andare a sistemare le ultime cose in zona cambio con gli amici di sempre.

Non parla nessuno, siamo tutti un po demoralizzati e preoccupati di cio che ci aspetta.

Il cielo è scuro, il mare è mosso e molto freddo; come non bastasse c’è molto vento; il percorso di nuoto viene tramutato da una L in una C a favore di corrente (insomma: con un mare cosi la C. di P. per la sicurezza decide di fare qs. variazione).20x30-DAEB1002.jpeg

Finalmente si parte tutti in acqua e via tra le onde come delfini impazziti, esco dall’acqua il più velocemente possibile, entro in Z.C. mi copro e parto per i lunghi 90km di bici sui colli dietro a Rimini.

Intanto smette di piovere ed esce un pallido sole, ma fa sempre freddo e c’è sempre vento porc……

Mi metto sulle prolunghe fino a quando cominciano le salite, ma che salite, toste veramente toste, intervallate da falsi piani e qualche breve discesa che non ti permette di recuperare un gran che!!

Pedalo con un buon ritmo e cerco di mantenerlo, qualche furbetto che ciuccia la ruota c’è anche qua, ma la maggior parte sono triathleti preparati al NO DRAFT, quindi onestà prima di tutto!!

a 30km dalla fine della frazione ciclistica, spacco il deragliatore delle corone, PANICO!!!!!!!!,mi rimane solo la 50 e il cambio dietro, (per fortuna le salite maggiori sono alle spalle) concludo tranquillamente la frazione e arrivato in Z.C. appendo la bike, mi spoglio degli indumenti pesanti e esco per l’ultima prova.

21km sono tanti, quindi decido di essere prudente; lascio andare le gambe e per 17 lunghi Km giro a 5km/min fino al crollo ed a una corsa più lenta ma sempre buona.

Finalmente arrivo al traguardo con la pelle d’oca e la felicità alle stelle, sia perchè sono co20x30-DAEE0932.jpegnsapevole di avere compiuto una grande e difficile gara sia perchè stò sollevando mio figlio sulle spalle e ricevendo tutta l’ammirazione del pubblico presente sulla finish line che mi accoglie con un grosso applauso.

Tagliato il traguardo mi viene consegnata la medaglia di finischer 70.3 miles che prontamente regalo a mio figlio perchè è lui il mio campione!!! tra gli abbracci di mia moglie che mi dice che sono stato bravissimo e ho corso l’ultima frazione benissimo (per me la mia preoccupazione più grande), ho le lacrime dalla felicità.

finalmente siamo arrivati tutti, io, Toti, Massimo e Furio; Bravi tutti perchè preparare una gara cosi tra famiglia, lavoro e priorità varie non è cosa da tutti.

Complimenti all’organizzazione che ha preparato un gran evento con una perfezione maniacale.

Grande stima per Mc.Cormack, Alessandro De Gasperi e Massimo Cigana per aver nuotato insieme a me e ai miei amici di sempre il sabato prima della gara e averci fatto i loro migliori auguri per la gara, per aver scambiato opinioni, curiosità e idee con noi.20x30-DAEC2466.jpeg

Per me prima che grandi atleti sono gran signori dentro, anche per farci sentire parte di una grande famiglia; quella del triathlon!!!

Grande fonte di ispirazione, tenacia e umiltà; grazie a voi per esserci cosi vicini.

Ora non so quale sarà il prossimo obbiettivo, sicuramente quello di fare bene il papà e il marito, per il resto ci sarà tempo per pensare, ora mi godo il meritato riposo.

Challenge 70.3 Riminiultima modifica: 2013-06-16T21:30:00+00:00da raffaglio72
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento